venerdì 7 luglio 2017

URGENTI IN DEPORTAZIONE. MIRIAM E MEISSA HANNO IL TERRORE NEGLI OCCHI





URGENTI IN DEPORTAZIONE. MIRIAM E MEISSA HANNO IL TERRORE NEGLI OCCHI E RISCHIANO DI NON USCIRE MAI PIU’ DAL CANILE.

Miriam, la simil lupetta, e Meissa , la tricolore, sono due cucciole innocenti e terrorizzate. Del loro passato non sappiamo nulla, sono apparse chiuse in una scatola, ben sigillata vicino ai rifiuti. Abbandonate li,nel disprezzo più totale di quella che è una vita.
Miriam e Meissa arrivano in canile e dopo l’abbandono, per noi l’amara scoperta, che le cucciole sono letteralmente terrorizzate, non si fanno toccare, piangono e scappano ovunque . Stanno rannicchiate l’una sull’altra e con la disperazione cercano di guardare quello c’è in torno. In canile vengono trattate con amorevole cura , ma per loro non basta, la paura è tanta e loro hanno bisogno di un ambiente calmo e sereno dove poter iniziare a conoscere il mondo. Le piccole hanno fatto i vaccini e a breve verranno deportate in un enorme struttura con più di 800 cani. Un posto dove i volontari non sono ben accetti e dove i percorsi di recupero  non vengono nemmeno considerati.  Miriam e Meissa rischiano di passare la loro vita nel terrore, di vivere anni sotto ad una panca o in un angolo buoi e lercio. Rischiano questo perché, purtroppo sono nate in un mondo incivile
Hanno urgente bisogno di trovare uno stallo o un adozione,  presso persone e/o strutture  con esperienza, capacità  e pazienza. Hanno bisogno di essere salvate, perché Sarebbe bello potergli regalare la dignità e la libertà.
AIUTATECI AD AIUTARE MIRIAM E MEISSA
MIRIAM E MEISSA  età stimata  24.04.2017 ,futura taglia media dai 15/20kg da adulte, si trovano a ROMA e verranno cedute, anche separatamente, con vaccinazioni , chip e verminazioni a Roma , al centro e nord Italia solo a persone affidabili e disponibili a controlli pre e post affido, alla firma del regolare modulo di adozione ed a mantenere nel tempo i contatti con noi volontarie:
Alessandra 329 34 27 585  alessandra812004@tiscali.it

Nessun commento: